ANGEL – ELISABETH TAYLOR

Inizio col dire che quando ho letto il nome della scrittrice, che non conoscevo, credevo si trattasse di un libro scritto da Liz Taylor, la famosa attrice che ama sposarsi a ripetizione! In realtà si tratta molto più semplicemente di una scrittrice inglese dell”ottocento, che ha prodotto dodici romanzi e molti altri scritti, frai i quali questo Angel, conosciuto per caso dato che ne è stato tratto un film che come al solito non sono riuscita a vedere.
In ogni caso, visto che costava ben 16 euro che attualmente non ho, ho trascorso un pomeriggio alla Feltrinelli e me lo sono letto. Ovviamente mi è piaciuto da morire. In primo luogo è un romanzo in stile ottocentesco, con personaggi femminili sagaci che creano situazioni di tensione in una società perbenista, in pieno stile Vanity Fari se vogliamo. Il personaggio è meraviglioso, contraddittorio, a tratti smargiasso ma sempre sincero e sicuro di sé. Nella fattispecie la giovane Angel decide di lasciare la scuola e di dedicarsi anima e corpo alla stesura di un romanzo ricco dei suoi sogni e delle sue fantasie più sfrenate, quelle nelle quali sempre si rifugiava nel tedio della vita reale e piuttosto spartana che aveva condotto sino ad allora. Una volta terminata la stesura, lo manda a tutte le case editrici possibili, va in biblioteca soltanto per poter trovare altri nomi di case editrici, in modo da poter inviare il suo manoscritto a ripetizione dopo che esso viene rifiutato in tanti tentativi.
Alla fine però, un editore resta colpito dalla sua storia, e ancor più dalla personalità originale della ragazza, e decide contro tutti, contro sua moglie e i suoi colleghi di lavoro, di scommettere sul talento di Angel. E infatti non si sbaglia, perché la ragazza, pur essendo palesemente ignorante in fatto di storia, di tecniche narrative e soprattutto non disdegnando nei suoi romanzi scene licenziose e trasgressive ( a quei tempi amaramente censurate dalla critica letteraria, anche se poi praticate di nascosto dalla borghesia), vende tantissimo perché riesce a colpire e ad attrarre proprio il lato nascosto e trasgressivo che ognuno di noi ha, per cui nonostante le critiche siano feroci con lei, Angel riceve una montagna di guadagni e diventa ricca, sfornando romanzi su romanzi, sempre nel suo stile personalissimo e trasgressivo. Una volta ricca, si innamora di un pittore di nome Esmé che è veramente un personaggio disastroso! Sul trafiletto del libro veniva definito come un pittore oscuro e tendente alla depressione, mentre io l’ho trovato molto meno degno di queste parole. E’ un ragazzo molto libertino, che non si lega alle donne pur attirandole parecchio, e dipinge quadri mostruosi e privi di ogni bellezza, senza però guadagnarci molto.
Quando Angel però lo vede, un’ora soltanto la prima volta, nel viso meraviglioso di lui fa confluire il sogno di amore che aveva sempre avuto e cosi fa di tutto per frequentarlo e unirlo a lei, anche se consapevole del fatto che lui la sposa, alla fin fine, per soldi. Inizialmente la storia sembra procedere bene, ma poi Esmè parte per la guerra e perde la gamba, e poi fa un sacco di debiti, che Angel decide di pagare di tasca sua scrivendo altri libri….
E insomma non lo racconto tutto!!! Leggetelo!
Ne vale la pena…
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...