HORUS RISING – HORUS HERESY #1 – DAN ABNETT

Horus-RisingHorus Rising, scritto da Dan Abnett, scrittore e fumettista britannico, è il titolo di apertura della serie fantascientifica ispirata al noto gioco da tavolo Warhammer 40.000. Gli eventi del romanzo sono accaduti ben 10.000 anni prima di quelli del gioco ufficiale, durante l’epoca della Grande Crociata. Il romanzo descrive l’ascesa al potere di Horus, Primarca dei “Lunawolf” (una Legione di Space Marines) il figlio favorito dall’Imperatore della Terra.
L’imperatore lo ha recentemente nominato Warmaster, Signore della guerra, (comandante generale delle forze militari imperiali) e lo ha lasciato in carica della Crociata; successivamente ha deciso di fare ritorno sulla Terra, dove in relativo isolamento sta avviando un progetto segreto del quale anche Horus non è al corrente.

Gran parte del focus di questo romanzo è incentrato su Garviel Loken, capitano della Compagnia dei Lunawolf. Come tutti i suoi soldati, Loken è un Astartes, ovvero un soldato geneticamente modificato per condurre campagne militari molto violente e prive del coinvolgimento emotivo tipico degli umani.
Nonostante questo, Loken viene presentato sin dall’inizio come un uomo molto diverso dai suoi compagni, capace di soffermarsi su riflessioni importanti, di interrogarsi sul senso della Crociata portata avanti contro i popoli avversari.

A seguito della morte di un altro soldato, diventa membro del Mournival (un organo consultivo scelto da Horus di cui fanno parte quattro tra i migliori soldati). Il suo ingresso in questo gruppo così importante lo lascia perplesso e sin da subito i rapporti con gli altri tre Mournival si stabiliscono in maniera conflittuale, proprio per via di questo attitudine di Loken alla riflessione e all’acuta osservazione delle cose che gli accadono intorno.

Anche il suo rapporto con Horus è molto particolare: inizialmente Loken lo stima e venera, ma battaglia dopo battaglia impara a conoscere anche il suo lato oscuro da manipolatore e stratega, capace di collezionare successi, ma anche incassare sconfitte dovute alla propria ostinazione e al proprio desiderio di gloria.

Su un piano narrativo parallelo, si muovono diversi personaggi minori che fanno parte del gruppo dei remembrancers, ovvero i poeti i giornalisti e i fotografi che accompagnano i soldati della Crociata per narrare e glorificare le loro imprese. Loken è l’unico tra i soldati che si dimostra disponibile a raccontare il proprio vissuto e ad andare incontro alle difficoltà di questi uomini, che sono semplici umani.

Video-Games-Warhammer-Chaos-Warior-Fresh-New-Hd-Wallpaper-Con queste premesse, la trama del romanzo si focalizza sulla successione di guerre e conquiste di pianeti da parte dei soldati capeggiati da Horus, delle difficoltà che essi incontrano per annettere popoli che non sono a conoscenza del potere dell’Imperatore, né lo rispettano. Oppure crociate contro civiltà aliene, che vengono ritenute inferiori e quindi degne solo di essere sterminate. Allo stesso tempo, i rapporti delicati e intricati che si stabiliscono tra i vari soldati che sono al diretto comando di Horus, i suoi collaboratori, lasciano intravedere delle crepe in quello che dovrebbe essere un meccanismo oligarchico perfettamente funzionante, in realtà soggetto alle forze dell’imprevedibile e di quello che loro chiamano Chaos, una forza vigente nell’universo, della quale ancora troppo poco è noto, che spinge l’uomo a distruggere sé stesso e a boicottare ogni ipotetica situazione di armonia e di pace raggiunta da una civiltà.

Nonostante questa serie di romanzi sia nata per pubblicizzare un gioco e per creare un universo predefinito in cui ambientarlo, il primo romanzo della trilogia è davvero molto avvincente. Dan Abnett si preoccupa di non mostrare solo il lato guerriero ed eroico della vicenda, ma di mettere in luce il piano filosofico che si nasconde dietro la Crociata dei soldati di Horus. La riflessione principale è quella della giustezza di questa guerra che viene mossa contro popoli diversi e lontani da Terra, senza nessun rispetto per il senso delle altre culture o per le esigenze degli altri popoli.

Altro tema fondamentale è il profondo convincimento da parte dell’Imperatore e dei suoi seguaci, che il cosmo non si muova secondo leggi divine, che la religione, la magia e le altre pratiche esoteriche debbano essere bandite come fuorvianti, inutili a spiegare le motivazioni razionali che muovono gli eventi, anche quelli catastrofici e non pianificabili che vengono etichettati come eventi dovuti all’azione del Caos.

E’ presentissimo il tema della memoria storica e del ricordo delle imprese, che si ricollega direttamente alla produzione letteraria della civiltà imperiale, la quale spesso sembra tacere eventi e situazioni incorsi sia nel passato, ma anche all’interno di questo stesso romanzo, che non possono essere spiegati razionalmente. I rememebrancers tentano a loro modo di presentare la verità, ma sono troppo deboli e isolati nella loro ricerca artistica per riuscire a comprendere gli eventi senza ricorrere a spiegazioni irrazionali e spesso vengono censurati nei loro intenti.
Tutti questi elementi conducono, in un vortice di azione, al successivo romanzo della trilogia, False Gods, mentre tutti gli interrogativi aperti durante la narrazione di Horus Rising restano aperti e brucianti nella mente del lettore avido di risposte.

Horus Rising si presenta sin dalle prime battute come un romanzo per palati raffinati, degno non solo di essere letto dagli appassionati del gioco, ma anche dai lettori di fantascienza più incalliti ed esigenti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...